Post

folle-di-corsa-banner

Tutti i Folli del Campanile

Immagine
MEDE Con domenica scorsa, la Cronoscalinata al Campanile di Mede (PV) è giunta all'edizione numero 5 e al 2° Memorial Roberto Gabutti. Raccontai la mia prima esperienza sui 300 metri di giro della piazza e 170 gradini nel post Mede: cronaca di una cronoscalinata e oggi, con un tesoretto di 3 partecipazioni (2014, 2016 e 2017), la mia cronaca si concentrerà invece sui cronoscalinatori del campanile di questi anni.  Ecco quindi tutti i Folli del campanile

MARCO Folle pioniere del Campanile, partecipa alla Cronoscalinata nel lontano 2014.  Ride e scherza in qualsiasi momento, forse anche sulle strette scale del campanile. Il suo agonismo comunque è sempre alle stelle, ma tralasciamo il suo riscaldamento. Un caffè in un bar.   Volenteroso di cimentarsi nuovamente con gli scalini del campanile, in vista dell'edizione 2016 cerca inutilmente di reclutare più Folli possibili. Viene tuttavia "impegnato" da meravigliose avventure casalinghe e familiari.
STEFANO Folle di lungo co…

Monteviasco e gli impegni

Immagine
  POST DI CORSA? Nato nella mia testa come un semplice e veloce post di corsa, questo testo si è pian piano trasformato.  Insomma, mica potevo sbolognare in poche righe Monteviasco e i prossimi impegni...

MONTEVIASCO Lo so, la notte del 31 ottobre è ormai un lontano ricordo.  E so anche che Monteviasco, la frazione semifantasma di Curiglia con Monteviasco (VA), avrebbe dovuto essere lo special di Halloween del mio profilo twitter @girodeicomuni.  Eppure, avendoti avvisato anche qui su Folle di corsa (vai a Propositi di Halloween) e ingolosito con qualche foto sui social, mi sembra giusto dirti un po' come è andata. Bene, direi.  Il paesino montano di 5 anime può essere raggiunto tramite una scalinata di 1400 gradini oppure con una piccola funicolare. Essendo arrivato ai piedi del monte a tramonto già iniziato (dannato cambio d'ora!) dopo aver sbagliato anche versante della Valle Veddasca, ho optato per la funivia. 

Giretto serale nella Monteviasco semi-deserta e giù con l'u…

La Ghirlanda segreta del Castello Sforzesco di Milano

Immagine
  SPECIAL DI HALLOWEEN Sapere che esattamente 5 metri sopra la tua testa qualcuno stia correndo nel Parco Sempione di Milano, attorno al fossato del Castello Sforzesco, con la sera oramai diventata notte.  Sapere esattamente di essere nei sotterranei della Ghirlanda, baluardo difensivo che tanti sopra di te non conoscono. Ecco luoghi segreti, storie da brivido, inquietudini podistiche. E se queste non sono degne premesse per lo special di Halloween di Folle di corsa, non so cos'altro dire.

PARANOIA Dato che è il post del 31 ottobre, te lo spiegherò in un modo che sia tutto spaventoso, terribile e tenebroso.  Perché, come direbbe il noto scrittore noir e giornalista Carlo Lucarelli, se questa storia fosse un film s'intitolerebbe "Paranoia". Fabio De Luigi invece, facendone l'imitazione, direbbe solo una cosa.

Infatti Castello SforzescoStrada Coperta della Ghirlanda non sono infestati da fantasmi o colpiti da maledizioni, ma permeati da una sensazione di vera pau…

Propositi di Halloween

Immagine
Ed ecco avvicinarsi la tetra notte di Halloween.  Niente paura, anche quest'anno lo special di Folle di corsa ci sarà. Eccolo lì, quasi pronto ad essere pubblicato.  Chi mi ha seguito nei giorni scorsi sui social possiede già qualche oscuro indizio e per chi invece avesse perso l'attimo, si tratterà del racconto di una strana esperienza fatta a Milano, come nel 2016 (vai a Di corsa nella Rotonda della Besana).  
E quando nel pomeriggio sempre più buio e pauroso del 31 ottobre uscirà questo post, io sarò lontano.  Da tutto e da tutti. Perché anche questo Halloween, dopo averlo fatto per la prima volta l'anno scorso a Savogno (vai a Le 5 scalinate più difficili per Folle di corsa), passerò la notte più paurosa in un altro paese spettrale, sperduto e quasi fantasma.  Sarai aggiornato in tempo reale sui social di Folle di corsa e @girodeicomuni? . Solo qualche foto, un paio di tweet e poi basta.
Tutto sommato è Halloween. Lasciami il tempo di seguire letteralmente spaventose …

Si sta camminando la World Francigena Ultramarathon

Immagine
IN QUESTI ISTANTI Esatto, in questi istanti si sta camminando da Siena ad Acquapendente (VT) lungo la prima Ultramarathon in Italia in cui NON si può correre.  E Folle di corsa si dovrebbe offendere, protestare ed evitare di parlarne? Nemmeno per sogno. Anche perchè questa passeggiata di 120 Km (o anche meno) partita oggi e che terminerà domani 22 ottobre percorrerà la Via Francigena.

NON SI CORRE Già, e non siamo sul bordo di una piscina.  E approvo perfettamente quanto stabilito nel regolamento della World Francigena Ultramarathon. Oltre al fatto di non essere pensata come una manifestazione competitiva, credo che il divieto di corsa valorizzi al meglio lo scopo della manifestazione, cioè quello di far conoscere un territorio ricco di bellezze naturali ed artistiche, un fenomenale patrimonio storico-culturale ed ambientale.

Chi ha organizzato e patrocinato l'evento, infatti, sono i Comuni attraversati (Siena, Acquapendente, Monteroni d’Arbia, Buonconvento, Montalcino, San Quirico …

Correre (e camminare) con la Bandiera Azzurra Fidal-Anci

Immagine
Ne sono sicuro. Bandiera Azzurra trionferà.  A breve, il neonato simbolo del patto tra FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera) e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), sventolerà vittorioso sopra le tante città conquistate a suon di corse e di camminate. 
Ma andiamo con ordine. La Bandiera Azzurra è un segno distintivo ideato da FIDAL in collaborazione con ANCI per riconoscere le Città della Corsa e del Cammino, cioè quei Comuni italiani che si impegneranno a promuovere il movimento podistico e migliorare la salute dei propri cittadini.  Creatore e coordinatore del progetto è l'olimpionico Maurizio Damilano. L'idea è quella di far diventare le nostre città delle palestre a cielo aperto, promuovendo stili di vita salutari e delle attività motorie semplici, immediate, a costo zero. Per ottenere la Bandiera Azzurra bisognerà dimostrare di essere città che hanno a cuore la salute ed il benessere dei propri cittadini, offrendo spazi e percorsi verdi certificati, c…

Robbio: il Palio dl'Urmon e le carriole

Immagine
  UN PO' DI CORSE A Robbio (PV) da trent'anni esiste un Palio dedicato ad un albero secolare ormai scomparso. Stiamo parlando del Palio dl'Urmon.  Tra fine agosto e inizio settembre, oltre alla Corsa delle Carriole, gli 8 Rioni del paese si sfidano a strani giochi tradizionali che, a volte, hanno nel correre il loro elemento principale.

ROBBIO, L'OLMO E IL PALIO Qui lo dico e qui lo nego.  Avanti e indietro dalla Lomellina e Robbio, nei miei giri (vai a Correndo (e non solo) per la Lomellina), non l'ho mai considerata. Che vergogna, per uno storico medievale a cui piace il romanico. Che figuraccia! Eppure siamo qui per scrivere del Palio dl'Urmon e dell'Olmo tanto entrato nel cuore dei robbiesi (e forse anche nello stemma comunale). 

Piantato insieme ad altri nel 1768 davanti alla chiesa parrocchiale, rimase l'unico olmo dopo che i suoi compagni vennero abbattuti per ricavare legname. Il "grande vecchio" vegliò su Robbio per 220 anni fino al 2 …
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


RICORDA, NON BISOGNA ESSERE ATLETI PROFESSIONISTI PER SEGUIRE LE ORME DI FOLLE DI CORSA.
BASTA INFORMARSI, EVITARE DI LANCIARSI IN IMPRESE AL DI SOPRA DELLE PROPRIE CAPACITA' E RICORDARE DI PREPARARSI ADEGUATAMENTE ALL'EVENTO CON QUALCHE ALLENAMENTO SPECIFICO ....