Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2014
folle-di-corsa-banner

Babbo Running: istruzioni per l'uso

Immagine
  UN APPUNTAMENTO SPECIALE E così, ecco arrivare Natale ... insieme alla Babbo Running edizione  numero 4. A Milano (13 dicembre) e a Bergamo (21 dicembre) saranno migliaia i Babbi Natale che si  riverseranno, ognuno al proprio ritmo, lungo i 5 km di percorso cittadino.  E nel capoluogo lombardo correrò anch'io, quest'anno con qualche motivazione in più.  Infatti  sono convinto che la Babbo Running sia un'ottima palestra per chi intende seguire  (letteralmente) Folle di corsa . Per saperne di più vai su www.babborunning.it   UN BUON INIZIO Prima di tutto, la Babbo Running è un modo sportivo e diverso per entrare nel  clima natalizio.  Poi, arriva la parte più bella.  La Babbo Running possiede tutte le caratteristiche tipiche di Folle di corsa , senza andare  troppo oltre o aver bisogno di qualche altra esperienza. Indubbie tradizione e folklore legate a Babbo Natale/San Nicola/Santa Claus. Strani sono i  migliaia di omaccioni barbuti in corsa. G

BDC #2: una botte per tutti (Chiuro,Riana,Castell'Umberto)

Immagine
  SCEGLI TU Dopo il grande successo del primo capitolo BDC #1 , Botte di corsa torna per  offrirti la possibilità di scegliere dove metterti in gioco: Chiuro (SO), Riana di Fosciandora  (LU) o Castell'Umberto (ME). Infatti queste tre Corse delle botti , distribuite per tutta Italia e tipiche del periodo della  vendemmia, sono aperte a chiunque voglia partecipare.   CHIURO, SETTEMBRE Siamo in Valtellina, a pochi km da Sondrio. Ad inizio settembre si svolge a Chiuro Il Grappolo d'Oro , una serie di giornate organizzate  dalla Pro Loco e dedicate principalmente al vino locale, ma anche al gusto ed alla cultura  valtellinese. In questa cornice si colloca la Corsa delle botti , ad accesso libero e gratuito. Basta essere in due, formare un team e alternarsi nella spinta per i 500 metri di percorso  cittadino fatto di pavé , vicoli, sterzate, salite e discese. Quindi tirati su un/a collega, parti per Chiuro e sviluppa una tua tattica per stampare il  miglior tempo

Mede: cronaca di una Cronoscalinata

Immagine
  PER CHI SUONA LA CAMPANA Citazione del titolo di Hemingway. Già, perché è sempre facile fare i  filosofi e i letterati quando si è seduti sullo stretto ballatoio in cima ad un campanile. Con  le gambe contratte e il fiato corto. Con lo sguardo che può spaziare, finalmente, in una bella  mattinata di sole dopo tanta, troppa pioggia. Con poco sopra la tua testa le campane che suonano  come se non ci fosse un domani, per raggiungere gli angoli più remoti di quelle campagne che  assediano la città. E quando hai un sorriso da orecchio a orecchio.     LA CRONOSCALINATA Ma atteniamoci, per un istante, semplicemente ai fatti. Si è corsa nella mattinata di domenica scorsa la Cronoscalinata al campanile di Mede (PV), una  non competitiva promossa dall' Associazione 115 Amici dei pompieri in occasione dei  festeggiamenti patronali dedicati a San Martino. La fredda aria mattutina di metà novembre si è  subito scaldata grazie ad un piacevole sole spuntato per l'occasione

BDC #1: la Corsa delle botti di Costacciaro

Immagine
  TUTTA QUESTIONE DI TEMPO Appena nata Botte di corsa e già questa rubrica, proprio come dovrebbe  essere, rincorre un evento svoltosi da pochissimi giorni. Si tratta della Corsa delle botti di  Costacciaro (PG). Andata in scena domenica scorsa, ha visto le due Hostarie in gara contro il  cronometro mentre trascinavano - e non spingevano! - ognuna la propria botte. Ecco il video di lancio dell'edizione 2013   IN ONORE DELLA VINIFICAZIONE Ma facciamo un passo indietro. Era il 1991 e Angelo Torcolini,  pochi mesi dopo aver ideato la Corsa delle bighe nel vicino comune di Scheggia e Pascelupo,  partorì la Corsa delle botti di Costacciaro, da svolgersi nel periodo di S. Martino (11  novembre) per festeggiare il periodo della vinificazione. Furono due le contrade, o Hostarie , chiamate a parteciparvi: Costacciaro capoluogo ( Hostaria de  la Porta ) e Villa Col de' Canali insieme alle altre frazioni ( Hostaria de la Rocca ). Ad entrambe  le parti venne data una

Botte di corsa: l'eno-rubrica di Folle di corsa

Immagine
  IL PRIMO APPUNTAMENTO Inizia qui, con questo post, la rubrica Botte di corsa , la prima di Folle di corsa . Essa raccoglierà tutte quelle corse folkloristiche in  giro per l'Italia che avranno come protagoniste le botti di legno impiegate nella produzione  vinicola.   TERRA DI CORRIDORI, VINI E TRADIZIONI Benvenuti in Italia.  Un paese a cui piace moltissimo  correre, di grandi campioni e di infinite, oceaniche folle di corsa. E la nostra è anche una  terra di vigneti e di vini: potrei sfidarti a nominare 10 diverse etichette in 10 secondi,  sicuramente ne uscirei sconfitto. Così, se uniamo il tutto alle miriadi di tradizioni che il Bel Paese offre, otteniamo i  palii delle botti o le corse delle botti . Tra le decine di queste  manifestazioni ( tutte generalmente incentrate sul connubio runner più barile)  ognuna si scopre sempre unica secondo origini, storia, località, periodo  dell'anno, svolgimento e partecipanti. Il compito della rubrica Botte di cors

#RaceTheTube: la tendenza che contagia

Immagine
  SFIDA ALL'ULTIMA METRO Il principio di questa corsa è piuttosto semplice. Riprendere lo stesso  treno della metropolitana lasciato alla fermata precedente. Questa è la Race the Tube . Partita  da Londra lo scorso luglio, grazie al web è ormai diventata un fenomeno mondiale.   DA LONDRA (O PARIGI?) Prima che diventasse un hashtag e la moda del momento, Francois De La  Taille era stato il primo a battere la metropolitana di Parigi nel dicembre del 2012. E  l'impresa, filmata e caricata su YouTube , vide Francois prevalere sul traffico parigino,  su una caduta e, infine, su un tornello che non ne vuole sapere di lasciarlo passare. Fu vera gloria? Ai posteri l'ardua sentenza. Perché essi si accorsero di questa sfida solo  quest'estate, dopo che l'inglese James Heptonstall vinse contro la metropolitana più famosa al  mondo, la Tube di Londra.  Armato di scarpe da ginnastica e Go Pro sulla testa, James riuscì a riprendere a Cannon Street  la stessa metro
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


RICORDA, NON BISOGNA ESSERE ATLETI PROFESSIONISTI PER SEGUIRE LE ORME DI FOLLE DI CORSA.
BASTA INFORMARSI, EVITARE DI LANCIARSI IN IMPRESE AL DI SOPRA DELLE PROPRIE CAPACITA' E RICORDARE DI PREPARARSI ADEGUATAMENTE ALL'EVENTO CON QUALCHE ALLENAMENTO SPECIFICO ....