venerdì 29 luglio 2016

Folle di corsa, 2 anni e sentirli


CANDELINE E SASSOLINI 29 luglio 2016. 
Folle di corsa festeggia il suo secondo compleanno quasi in sordina, senza spot o promesse elettorali. 
Questo perchè, all'opposto di come si suol dire, 2 anni si sentono eccome.
Si sentono nel pensiero e negli auguri strappati a quanti hanno avuto a che fare da vicino con Folle di corsa.
E, soprattutto, si sentono in quel sassolino che tutti, su mio invito, hanno voluto levarsi dalla scarpa prima di continuare a correre insieme ...

folle-di-corsa-2-anni


MARCO
folle-di-corsa-2-anni-marco-mede
Marco a Mede
Folle di corsa compie 2 anni ... grande!!!
Un blog, un blogger, sì insomma, un personaggio diverso da tutti, un personaggio che fa riscoprire il piacere di correre senza pensare a nient'altro.
La mia esperienza è stata in quel di Mede ormai due anni fa. Il Folle mi chiese: ti va di fare una corsa su un campanile? Ovvio!
E così ci trovammo in una domenica di novembre sotto questo campanile di non ricordo quanti milioni di scalini. Fare una corsa del genere già mette di buon umore, ma farla con il Folle al tuo fianco è ancora più divertente; a me ricorda il Doc di Ritorno al Futuro (capelli per aria, occhialoni da pazzo e così via).
Insomma, riscaldamento con un caffè al bar e via, un giro intorno alla piazza e poi su fino alla cima del campanile. Parto dopo il Folle convinto di avere la stessa posizione anche in classifica ... ed invece ... beh, qui lascio che finisca di raccontare lui.
Paolo, se l'altra volta non ti ho battuto abbastanza, vorrei ardentemente essere coinvolto ancora in qualcuna delle tue stupende gare.
Nel frattempo faccio i miei migliori auguri a Folle di corsa ...


STEFANO
folle-di-corsa-2-anni-stefano-bealera
Stefano appena uscito dalla bealera
Conosco Paolo da lungo tempo. Quando ha aperto Folle di corsa esattamente 2 anni fa (Auguri!!) ho subito pensato che fosse una buona idea ma allo stesso tempo, come dice il nome, una follia.
Tuttavia solo l'anno scorso ho preso parte "attivamente" alle follie di Paolo! Prima di tutto la corsa nella Bealera, una corsa controcorrente in un canale agricolo. E questa avventura non è stata solo sportiva ma anche un fantastico tour piemontese a Barolo e nelle città vicine, in particolare nella bellissima Fossano.
Se di questa prima esperienza posso dirmi più che felice e soddisfatto, per la corsa nel Labirinto non è che ho qualche sassolino nella scarpa da togliermi, ma è che eravamo in pochi ...
Per il resto, visita al bellissimo Castello di Masino e corsa nel secolare Labirinto di siepi mi sono piaciute moltissimo.

venerdì 22 luglio 2016

BDC #16: non solo Palio delle Botti a Manciano


A FINE AGOSTO Questo capitolo numero 16 di Botte di corsa, l'eno-rubrica di Folle di corsa, dovrà per forza trattare dell'estivo Palio delle Botti tra i Rioni di Manciano (GR).
Ciò significa che dobbiamo concentrarci sulle botti di legno rotolanti, accennando – e ripeto, solo accennando  a quanto ancora può offrire il centro toscano.
Ma quando già il sottotitolo della pagina Facebook del Comitato Bottai Mancianesi recita "Palio delle Botti e non solo", inizi seriamente a chiederti se sarai veramente in grado di focalizzarti sull'obiettivo di questa eno-rubrica. 


MANCIANO, ECCO. Ho esagerato? Può darsi, ma considera che in questa sfida di concentrazione contro Manciano ne sono uscito sconfitto. Piacevolmente ed orgogliosamente sconfitto.

manciano-grosseto

Nel tentativo di studiare, capire e raccontarti il locale Palio delle Botti, sono naufragato dolcemente nel mare (tanto per utilizzare una citazione dotta) di Manciano: 
hai visto come si sviluppa il piccolo centro storico? Sai quante chiese, palazzi, Ville, Torri, aree archeologiche, castelli e rocche puoi visitare? Riesci a decidere tra i numerosi e dettagliatissimi itinerari storici, naturalistici e sportivi? I panorami che offre, poi? 
E hai presente le famose Terme di Saturnia? Guarda che sono a Manciano ...

terme-saturnia-manciano-grosseto

mercoledì 13 luglio 2016

Lo chiamavano SwimRun


... E NON TRIATHLON Perché se corri e nuoti, nuoti e corri, corri nell'acqua e nuoti con le scarpe da running, stai facendo SwimRun, un folle sport di corsa che attira sempre più persone.
E l'ho capito grazie a questa intervista che ho fatto ad Orazio per Folle di corsa.

swimrun-intervista-orazio-spoto


- Orazio, grazie ad un tuo tweet ho scoperto le SwimRun, ma prima di tutto ... presentati brevemente.
Sono un 40enne con crisi di mezza età anticipata!
Scherzo eh, ho sempre fatto sport di resistenza ma in maniera disorganizzata, con alti e bassi. Complice qualche annetto in più e forse un po' di saggezza ho pensato che se volevo continuare a correre non potevo fare affidamento solo sul mio corpo come una volta. Così mi sono iscritto ad una società sportiva focalizzata sul triathlon (prima correvo sempre come libero) che si chiama Spartans e ho chiesto ad un coach (Matteo Torre) di seguirmi.
In realtà non sono mai andato così tanto veloce e lontano come adesso. Ho capito che il mio corpo ha ancora parecchio da dire e che con un buon allenamento e un buon allenatore il divertimento è assicurato!
Quando non nuoto o non corro mi divido fra i miei incarichi di consulente e formatore e quelli di cofondatore dell'associazione igersitalia, il più grande network dedicato alla promozione e diffusione di Instagram.
swimrun-intervista-orazio-nuoto

- E ora le SwimRun. Cosa sono?
Sono gare in cui si parte e si arriva vestiti nello stesso modo solo che ... devi attraversare laghi o tratti di mare. Le distanze possono variare: dai 10 km ai 75 km. Il terreno può essere sterrato o sabbioso.

venerdì 8 luglio 2016

3 domande per raccontarci The Floating Piers


THE FLOATING PIERS PER T(R)E The Floating Piers, le passerelle galleggianti di Christo sulle acque del Lago d'Iseo, dalla mezzanotte del 3 luglio è ormai un ricordo. 
Un ricordo condiviso e da condividere per quasi un milione e mezzo di persone, di folle che sono corse a camminare sull'acqua (vai a Folle sull'acqua con The Floating Piers). 
Ma com'è stata la loro esperienza? Cos'è che ricorderanno per sempre? E, infine, c'è qualcosa che avrebbero voluto fare, vedere o vivere ma non c'è stata l'occasione?
Sarò io, ovviamente, ad iniziare a rispondere a queste 3 domande. Poi però toccherà rispondere a te e alle folle salite su The Floating Piers.
Puoi farlo qua sotto nei commenti o sui canali social di Folle di corsa.   

The-Floating-Piers

1) IL MIO THE FLOATING PIERS L'ho vissuto in un sabato mattina sempre più soleggiato.
Sveglia alle 3, colazione con i miei amici che stavano per andare a dormire e poi direzione Lago d'Iseo. Per godermi l'alba e una certa tranquillità.
Obiettivi raggiunti solo in parte: qualche nuvolone scuro ad invadere il campo e già abbastanza camminatori sulle acque.

The-Floating-Piers-3-domande

Mezzora di coda e sono su The Floating Piers, che percorro senza scarpe, con il sole che spuntava dalle montagne e, dopo lunga battaglia, vinceva totalmente le nuvole.
Sulla striscia arancione nel blu faccio mille e una foto, coinvolgendo anche i nero vestiti (ma come diavolo facevano!) supervisori della passerella.
Pausa di riflessione (e condivisione sui social) a Monte Isola.

The-Floating-Piers-e-montisola

venerdì 1 luglio 2016

L'abbraccio delle Mura Venete di Bergamo


QUESTA DOMENICA Migliaia di persone, strano e accattivante metodo per valorizzare il nostro passato, tanta voglia di corrervi a partecipare ... 
E già questi potrebbero essere motivi sufficienti per inserire in Folle di corsa un post per avvisarti dell'ormai prossimo abbraccio delle Mura della Città Alta a Bergamo programmato per domenica 3 luglio, quando 12 mila persone prenderanno parte al tentativo di record del mondo per richiamare l'attenzione dell'UNESCO sulle mura venete del nord Italia. 
Ma ora, prima di iniziare, permettetemi un incipit-citazione dal famoso film Blade Runner.

Per info e iscrizioni all'Abbraccio delle Mura, clicca qui

Abbraccio-delle-mura-bergamo


STRANI ABBRACCI Perché ho visto abbracci che tu, caro lettore, non puoi nemmeno immaginare.

Blade-runner-bergamo

Futuri blogger di corsa alle prese con gigantesche sequoie, folli più o meno sportivi intenti a scommettere sullo riuscire ad abbracciare completamente gli enormi pali della luce presenti sui campi di atletica e, tra poco, vedrò da vicino l'abbraccio delle Mura di Bergamo.

abbraccio-sequoia

E no, non sono un abbracciatore compulsivo come il J.D. di Scrubs, quell'emotivo e giovane medico John Dorian protagonista della nota serie televisiva, sempre in cerca di abbracci persino dal suo burbero e irascibile mentore dottor Cox.

abbraccio-scrubs-jd-cox

Sono semplicemente Paolo, del blog Folle di corsa e del profilo twitter @girodeicomuni, e credo fermamente che questo grandioso abbraccio intorno a Bergamo sia un modo eccezionale per dire tutti insieme "ci tengo".
Tengo alla città, tengo alle mura venete, tengo al nostro passato.

abbraccio-delle-mura-Bergamo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...