folle-di-corsa-banner

Keep calm and ... #RoadToProsciutto


  E SE la frase di un poster di alcuni anni fa, diventata virale e modificata all'infinito, mi aiutasse ad introdurre l'ormai prossima "Corsa con il San Daniele" che dovrò correre? E se invece quel "mantieni la calma e" mi consentisse di scrivere in merito alla tensione pre-gara? E se questo post riuscisse a mettere in mezzo anche Folle di corsa ? E se ...

keep-calm-roadtoprosciutto

  ALLO SPECCHIO Soprattutto negli sport individuali, che si svolgono repentinamente in un'unica fase e legati a dati oggettivi, il peso delle aspettative sulle spalle dello sportivo è molto marcato.
Dovendo far leva solamente su sé stessi, avendo a disposizione un unico tentativo ed essendo giudicati in base al crudele e incorruttibile cronometro, gli sprinter di atletica sono tra gli sportivi (ma pensa anche a nuotatori, sciatori, ecc.) più soggetti a stress da gara. 
Al 90% esso non dipende da pressioni esterne, ma è tutto autoindotto da forme esasperate di ottimismo (il desiderio di fare bene ad ogni costo) oppure da nero pessimismo ("E se ...", "non sono in forma").
In realtà è come se la gara fosse uno specchio che ti rivela (sì, proprio a te stesso e a nessun altro) chi sei realmente. E questo appuntamento con il proprio io spesso genera dubbi, ansia, perplessità.
Ovviamente, ognuno ha la sua reazione più o meno positiva, più o meno negativa.
E ogni volta io, per citare il titolo di un noto libro, speriamo che me la cavo.

  #ROADTOPROSCIUTTO Paolo, quali pensieri profondi! Che ti succede?
Come dice questo hashtag che non si vuole prendere troppo sul serio, sono solo sulla strada verso il prosciutto. Carico di aspettative, dubbi e sano ottimismo.
Infatti domenica 30 agosto sarò a San Daniele del Friuli (UD), la città del famoso Crudo, per correre 400 metri nel centro storico con un prosciutto da 12 kg sotto il braccio. Se riuscirò ad essere più veloce degli altri, potrò portarmi a casa questo succulento compagno di viaggio.

corsa-prosciutto-san-daniele-friuli

  FOLLE DI CORSA PARTECIPA E alla frase Se riuscirò ad essere più veloce degli altri subito si apre una questione etica, mai sopita o detta a voce alta. E' giusto che Folle di corsa voglia vincere le corse che disputa?
Bella domanda... prima di tutto, cerca di non sfigurare e onorare l'impegno. Non è un arraffa-premi egoista o un professionista antipatico, spinto dalla voglia di gloria.
E' una persona normale che sì, gareggia per provare a raggiungere l'irraggiungibile, ma vive il tutto dalla prima fila, non dal palcoscenico.
Paolo corre per te, sapendo che una sua vittoria potrebbe impensierirlo più di una sconfitta.
Ma, per il momento, Keep calm and #RoadToProsciutto   

Commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I 5 post più letti

Mandato all'Inferno(Run)

BDC #16: non solo Palio delle Botti a Manciano

La Corsa degli Zombi: un post-apocalittico

Il Palio dei Fiaschi a Pozzuolo Umbro



RICORDA, NON BISOGNA ESSERE ATLETI PROFESSIONISTI PER SEGUIRE LE ORME DI FOLLE DI CORSA.
BASTA INFORMARSI, EVITARE DI LANCIARSI IN IMPRESE AL DI SOPRA DELLE PROPRIE CAPACITA' E RICORDARE DI PREPARARSI ADEGUATAMENTE ALL'EVENTO CON QUALCHE ALLENAMENTO SPECIFICO ....