mercoledì 9 novembre 2016

Il Palio dei Fiaschi a Pozzuolo Umbro


CORRIAMOCI SU Qualcuno si sfida con enormi tulipani, altri gareggiano correndo con enormi fiaschi di vino sulle spalle. 
Eppure, signore e signori, siamo sempre nel comune di Castiglione del Lago (PG).
E se del petaloso Palio del Tulipano ti ho già scritto (vai a Tulipani in corsa a Castiglione del Lago), oggi su Folle di corsa sarà il turno del tradizionale Palio dei Fiaschi (anzi, dei Maxi Fiaschi) tra le 5 contrade della frazione di Pozzuolo Umbro.


LA MOSTRA (EX-FESTA) Niente inizio primavera della festa fiorita e sfida petalosa
I Maxi Fiaschi di Pozzuolo corrono invece in corrispondenza con la chiusura della settembrina Mostra Agricola Artigianale del Trasimeno. L'origine del Palio, eppure, risale alla precedente Festa dell'Uva del paese.
La domenica pomeriggio si parte per le vie imbandierate con la sfilata di bande musicali, sbandieratori, gruppi folkloristici, trattori d’epoca, cavalli, buoi, ecc. 
Poi, verso sera, arriva il momento del Palio dei Maxi Fiaschi.

palio-maxi-fiaschi-pozzuolo-umbro-folle-di-corsa

31 MAXI EDIZIONI Immagina un fiasco di vino in cartapesta alto quasi 4 metri e montato in piedi su una barella, portata a spalla da 4 contradaioli in livrea bicolore.
Immagina una partenza con tutte e 5 le contrade (Castellaro, Centro, Mulino, Fonte e Scopeti) in linea, un faticoso primo giro da circa 300 metri e poi un altro, cambiando corridori.
Ecco. Questo è il Palio dei Maxi Fiaschi di Pozzuolo Umbro.

Contrade-in-corsa-pozzuolo-umbro

DI FIASCO IN FIASCO Mi sembra giusto concludere questo post sul Palio di Pozzuolo Umbro con una piccola ma interessante curiosità. 
Sembra infatti che in questa frazione di Castiglione del Lago vi sia una tradizione simile al Pasquino della Città Eterna, a quella statua per secoli avente il ruolo di "bacheca" di tutti quei messaggi tali da mettere alla berlina i più potenti. 
E a Pozzuolo la pasquinata consisteva nell'esposizione del Befano, un fantoccio avente come testa un fiasco da vino e con i vestiti della persona che si vuole irridere. Solitamente issato su di un palo o un albero davanti a casa sua, era destinato ad essere il simbolo dello scherno verso l'uomo caduto in disgrazia, fosse colpa sua o meno. 
In conclusione, siano essi in testa ad un fantoccio irridente o portati enormi sulle spalle in un Palio, pare che Pozzuolo abbia proprio i Fiaschi nel sangue.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...