Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2015
folle-di-corsa-banner

BDC #8: Celestino V e Raviscanina

Immagine
  A SETTEMBRE Il capitolo numero 8 di Botte di corsa si soffermerà sul Palio di Celestino Vdi Raviscanina (CE) in cui la Corsa delle botti è solo uno dei tanti momenti di quest'evento settembrino.

  IL PAPA Il Palio di Celestino V omaggia il più grande cittadino che il centro casertano abbia mai avuto, cioè il religioso Pietro Angelerio (detto da Morrone) divenuto pontefice nell'ultimo decennio del XIII secolo. Infatti, sembrerebbe che proprio in questo luogo sia nato nel primo quarto del 1200 colui che, quinto pontefice a scegliere il nome Celestino, divenne famoso soprattutto per la rinuncia al soglio pontificio pilotata, forse, da chi poi ne prese il posto, cioè il ben più intransigente e caparbio Bonifacio VIII.  E Celestino, proprio per queste sue dimissioni, viene considerato il candidato ideale - insieme a Ponzio Pilato - per rappresentare al meglio quell'ombra che fece per viltade il gran rifiuto scorta da Dante Alighieri all'Inferno (Divina Commedia, Inferno, Can…

Tornano i 4444 scalini della ChronosCalà

Immagine
  VALSTAGNA, 1° MAGGIO A Valstagna (VI), il primo maggio tornerà la ChronosCalà, edizione numero 2. Quella che può già essere considerata la Regina delle cronoscalinate, ti porterà (insieme alla tua dolce metà) dal Brenta su su fino a Chiesa di Sasso sull'Altopiano di Asiago tramite i 4444 scalini medievali della geniale Calà del Sasso. Io, intanto, memore della mia esperienza un po' più tranquilla, inizio a prepararmi per l'anno prossimo.

  LUNGA, ANTICA, INTELLIGENTE (E ROMANTICA) 2 km e mezzo, 4444 gradini e un dislivello di circa 700 metri. La Calà del Sasso è la scalinata aperta al pubblico più lunga del mondo e fu costruita dagli asiaghesi nella seconda metà del XIV secolo per trasportare il legname dall'Altopiano giù fino al Brenta, evitando scomodi pedaggi. Infatti, Calà deriva proprio da calata e fin dal nome mostra come i tronchi di legno venissero fatti scendere dalle montagne, arrivassero a Valstagna e, tramite il fiume, raggiungessero l'Arsenale di Venezia…

Post-mangiata: la Torta di Oleggio

Immagine
  LA CORSA DELLA TORTA Il giorno di Pasqua, da più di 500 anni, c'è chi si trattiene dall'abbuffarsi a tavola o abbandona il suo posto di combattimento prima dell'ultima portata, riservandosi però uno spazio per la Torta di Oleggio (NO) e la sua Corsa. Il pomeriggio di Pasqua, infatti, nella città piemontese arriva il momento più importante della Corsa della Torta che, dopo la versione destinata a veterani e ragazzi, vedrà correre nelle strade del centro i celibi dei Quartieri e Cantoni per vincere il Palio e, soprattutto, la tipica "Focaccia di formento". Eccoti il video dell'edizione del 2009

  DAL 1447 (ALMENO) La prima attestazione della Corsa risale al 1447 quando, nel documento di infeudazione del borgo di Oleggio, si riporta che essa è un privilegio locale da rispettare e tutelare. Ci troviamo quindi davanti al fatto compiuto, ad un evento già pienamente formato e legittimato da aver ribattezzato - almeno fin dagli inizi del XV secolo - un terreno subito f…
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


RICORDA, NON BISOGNA ESSERE ATLETI PROFESSIONISTI PER SEGUIRE LE ORME DI FOLLE DI CORSA.
BASTA INFORMARSI, EVITARE DI LANCIARSI IN IMPRESE AL DI SOPRA DELLE PROPRIE CAPACITA' E RICORDARE DI PREPARARSI ADEGUATAMENTE ALL'EVENTO CON QUALCHE ALLENAMENTO SPECIFICO ....